Il progetto Poetry Therapy

logoGRUok_positivoSono molti, variegati e ramificati i progetti di poetry therapy sviluppati dal 2006 ad oggi dal gruppo di MilleGru, che per anni ha promosso anche la rassegna PoesiaPresente per la diffusione della poesia nel territorio di Monza e Brianza.

Dome Bulfaro è l’ideatore e operatore in prima persona come poeta “terapeuta” di tutti i progetti di poetry therapy sviluppati da Mille Gru ad eccezion fatta del progetto La poesia salva l’anima della poeta Silvia Monti, in cui ha avuto un ruolo di editore del progetto e curatore degli eventi somministratori insieme a Simona Cesana, organizzatrice di tutte le operazioni di Mille Gru, a cui si affianca Anna Castellari alla comunicazione.

La poeta Patrizia Gioia ha sviluppato in prima persona Leggere, con cura a Milano presso l’Ospedale Maggiore (…) e sostenuto, in particolare con Fondazione Arbor, tutti i progetti di poetry therapy sviluppati da Mille Gru.

Il poeta Fabiano Alborghetti è stato fondamentale nello sviluppo, per più anni (…), di Leggere, con cura in tutti gli enti ospedalieri di Lugano.

Leggere, con cura, (dal 2006) è stato sviluppato negli ospedali di Lecco, Milano e Lugano (CH). Ideato e realizzato dai poeti Ivan Sirtori e Dome Bulfaro per la prima volta nell’Ospedale “A. Manzoni” di Lecco.

Dire, con cura, (2012) Melbourne (AU) ideato e realizzato da Dome Bulfaro al Coasit, centro diurno per anziani di origine italiana, in collaborazione col l’Istituto Italiano di Cultura di Melbourne.

Pagina Quaranta, (2012), spettacolo realizzato per sensibilizzare le persone sul ruolo degli Hospice, luoghi di accompagnamento dei malati terminali. Lo spettacolo, scritto da Dome Bulfaro, diretto dal regista Enrico Roveris e musicato da David Rossato, interpretato dalle attrici Chiara Petruzzelli e Alessia Vicardi è nato dopo un anno di volontariato prestato in prima persona da Dome Bulfaro nell’Hospice di Monza.

La poesia salva l’anima, (2013), confezioni che simulano quelle dei medicinali, contenenti poesie di bambini e preadolescenti disegnate su bugiardini. Progetto di Silvia Monti editato da Mille Gru.

Dopo queste esperienze prende il via nel 2015 l’Operazione scacciapensieri che ha come sua prima azione l’antologia Scacciapensieri – Poesia che colora i giorni neri.

La musica magica di questo scacciapensieri è l’aroma buono che vogliamo diffondere in tutte le scuole e in tutti gli ospedali, ovunque ci siano bambini a cui serve somministrare amore e tutte le altre medicine incluse e non ancora incluse in questo nostro primo Scacciapensieri.

Nei buonarbor_bni propositi di questa operazione, non manca il desiderio di approfondire studi, pratiche e racconti di esperienze di guarigione, anche complete, attraverso la poesia.

Il tempo ci dirà a quali sogni potremmo dare vere ali.

Questa iniziativa è stata possibile grazie al lavoro dell’associazione MilleGru in cooperazione con Fondazione Arbor.

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •