Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Poetry Therapy Italia

40 marelli

Le opere d’arte da cui sono tratte tutte le immagini che corredano questo doppio numero monografico dedicato all’ecopoesia, sono descritte e raccontate in prima persona dall’artista stesso.
Francesco Marelli svela la storia che le ha ispirate, le ragioni in esse sottese, soffermandosi infine sulla domanda “scultura e natura: quale cura?”

Il sole si era levato molto presto. La salita verso il campo, una media pezzatura adibita a pascolo e foraggio, era impegnativa, soprattutto perché ci si doveva portare tutto: acqua, viveri, attrezzi, coperte. Ci andava ogni giorno, arrampicandosi con le sue gambe forti e agili, per arare, seminare, concimare, mietere. Lavorare era duro e dopo qualche ora avvertiva la necessità di riposare un poco. Recuperava i suoi materiali e srotolava il suo giaciglio.

Un giaciglio, ecco a cosa rimandano queste mie sculture.
Rinviano al momento in cui il contadino stanco posa i ferri del suo lavoro e stende un telo per potervisi sdraiare, per mangiare e magari dormire. Un piccolo corredo della sua mente nomade. Scioglie i legacci che lo tenevano stretto. Appoggia il corredo sotto il sole oppure all’ombra di un sole troppo forte. Magari sopra un campo fiorito di tarassaco o di ranuncoli: giallo sopra e giallo sotto. Abbandona gli attrezzi, li stende accanto a sé, come se anche loro avessero bisogno di un meritato riposo.
Il giaciglio è ormai logoro, segnato dal tempo e dall’usura. Che sia una semplice coperta, una grossolana stuoia o un sacco in cui infilarsi. Rimangono tracce delle foglie di alloro che servivano per conservarlo e profumarlo. Gli attrezzi sono arrugginiti. Come se riposassero da molto tempo. Diventano l’emblema stesso del riposo e dell’usura. Sono troppo stanchi, hanno svolto troppo lavoro.

È il momento in cui si deve fare silenzio.
Forse è il dì di festa, nel quale dal vecchio armadio si tolgono i vestiti belli. Quelli che sanno di canfora. Si richiamano anche i paramenti delle chiese in festa, quelli che profumano di incenso.
Ogni cosa mantiene il sapore dell’antica sapienza contadina che conosceva le virtù delle piante e ne rispettava la magia. Ne conserva i colori, gli odori.

Il telo è cucito con cura, a mano. Con grande passione. E’ stato tinto con i colori offerti da erbe e piante. Il giallo della curcuma domina sopra gli altri. Il rosso delle cipolle o dei cavoli. Pochi elementi. Niente di superfluo.
La cura vera sta proprio in questa necessità di riposo, di raccoglimento. Una tregua nel nostro continuo muoverci. Una pausa per goderci i colori, i profumi e perché no, noi stessi.

 


Marelli Francesco FotoFrancesco Marelli è artista e musicista. 
In ambito musicale il suo lavoro riguarda la canzone milanese, che propone in locali o in spazi teatrali; in ambito artistico presenta le proprie sculture e installazioni, realizzate perlopiù con materiali e teniche naturali, in diverse mostre personali e collettive in Italia e all'estero.

» La sua scheda personale.